mercoledì 4 gennaio 2012

Uguaglianza? Giustizia? Riscatto? Troppo difficile, troppo costoso...

Torno a parlare di un argomento legato ai fatti di Arcore, lo scorso 6 Febbraio. Dopo il processo per direttissima ogni giornale parlava dei due poveri sfigati finiti in manette durante una banalissima manifestazione e tra questi c'era ovviamente anche "il Cittadino", che non sto manco a linkare che non lo merita.

Quello in foto è un orrendo articolo di Davide Cagnola, tipico esempio di giornalismo italiano privo di approfondimenti, fonti, ricerche... Ma il peggio sono le parole del nostro caro Sindaco Domenico Crespi, che avrebbe dichiarato, riferito a me:
"Solo pochi giorni fa ci ha mandato le ultime mail con frasi sconclusionate e offensive. È stato aggressivo, maleducato e senza nessun rispetto per le istituzioni. Gli scontri di domenica e l'arresto non mi stupiscono."
Un'ottima occasione per l'egocentrico Primo Cittadino per insultarmi davanti agli occhi di tutti e per mettermi facilmente fuori gioco nel mio rapporto con l'Istituzione comunale... C'è riuscito.

Inutile dire che gli ho immediatamente scritto per chiedere di scusarsi pubblicamente, ma non ho ottenuto risposte, quindi sono ricorso alle vie legali sporgendo regolare querela presso il Tribunale di Bergamo nel Maggio successivo; la querela, per diffamazione mezzo stampa, ritiene responsabili Domenico Crespi, Davide Cagnola e Ferruccio Pallavera (il Direttore del quotidiano).

Confidavo molto in questa denuncia, non tanto per il risarcimento che avrei cercato di ottenere, ma per tentare di contrastare l'orrenda fama che Crespi mi aveva procurato e che ancora oggi, in alcune occasioni, mi mette davanti a situazioni poco piacevoli...

Ma! Ma c'è un MA! Perché oggi, in Italia, querelare qualcuno coi soldi o un giornale, non è atto permesso a tutti: devi avere i dindi, devi avere il tempo e, possibilmente, gli agganci giusti. Cosa che probabilmente persone di rilievo come il nostro Sindaco ed "il Cittadino" hanno, ma io no... Soprattutto soldi e conoscenze, perché io resto pur sempre una persona onesta...

Quindi cosa vengo a sapere dall'avvocato qualche giorno fa? Che la Procura di Bergamo ha deciso di archiviare la mia querela. Andata. Abbandonata. Carta straccia. Immondizia. 'Na mappina.

Insomma, oltre al danno la beffa, ho ricevuto un torto enorme e la "giustizia" se ne strafotte... e chissà cosa sarebbe successo se fossi stato io a scrivere quelle cose su Crespi... Che dire... Sono scoraggiato, sono stanco, sono incazzato...

5 commenti:

Lario3 ha detto...

Mamma mia...

Grazie di cuore per il bel commento... CIAO!!!

Anonimo ha detto...

sono sicura che esiste un'altra strada per raggiungere 'roma' ma per arrivarci devi essere pronto a soffrire, a cristonare, devi sapere che dovrai rinunciare a qualcosa per ottenerne un'altra, dovrai sacrificare il tuo tempo, i tuoi affetti... sei disposto a tutto questo? e se si, ne vale la pena? non posso scegliere io al posto tuo e nemmeno lo voglio fare ma dopo una sana e liberatoria incazzatura nei 'modi' e 'tempi stabiliti' andrei avanti con la mia vita dimostrando a tutti di essere quello che sono: un cittadino onesto che vuole vivere in un paese piu' giusto e che si impegna affinchè cio' sia possibile. Ogni buon raccolto ha i suoi tempi.

Anonimo ha detto...

Il tuo giudizio sulla "giustizia" italiana è molto severo.
Può darsi che tu abbia ragione.
Deduco che se, nel processo per i fatti di Arcore, verrai assolto, sarà chiaro che avrai trovato "soldi e conoscenze", perchè come dici tu "devi avere i dindi, devi avere il tempo e, possibilmente, gli agganci giusti".
Ci farai sapere dove li avrai trovati?

simone cavalcanti ha detto...

@ Anonimo 1: il problema è che questo paese sarà sempre una causa persa in partenza sino a che non ci sarà cultura e coscienza :(

@ Anonimo 2: io parlo chiaramente di "querelare qualcuno coi soldi o un giornale"... Sono abbastanza sicuro che se denunciassi qualcuno perché mi ha dato del pirla lo rovinerei... Il problema è quando ti metti contro chi ha potere, soldi e visibilità... In fondo è palese che io abbia subito un torto, ma evidentemente in Procura non considerano nemmeno che sia giusto presentare la situazione ad un giudice... Ad Arcore il processo è invece almeno partito (e in un Paese civile non sarebbe successo, non avendo io commesso i reati di cui sono accusato)...

la je ha detto...

ma...ti lascio un commento per farti vedere la mia presenza come al solito...ma ...bho...ti aspetto martedì a cena...
i due poveri sfigati arrestati..mi viene in mente laura XD