martedì 8 febbraio 2011

Carissimo Sindaco, come "Questo arresto non mi sorprende" spero valga "Questa lettera non mi sorprende"

Nelle sue parole a "il Cittadino" dichiara «Solo pochi giorni fa ci ha mandato le ultime mail con frasi sconclusionate e offensive. E stato aggressivo, maleducato e senza nessun rispetto per le istituzioni». Allorché mi son chiesto: ma davvero, magari senza rendermene conto, sono stato così maleducato ed offensivo? Prima di trarre conclusioni vado a ricercarmi le mail a partire da Maggio 2010 e ne trovo una in cui le propongo la possibilità di sfruttare realmente il Cupolone; ma io non sono uno che ama solo parlare, io mi espongo alla luce del sole e quindi la riporto integralmente:

"Buongiorno, dopo la mediocre soddisfazione ottenuta dal progetto relativo al sito internet della città, mi sento in dovere di far emergere un "problema" fondamentale di S.Angelo: la presenza e la possibilità di realizzare attività giovanili pubbliche.

Non si può certo negare che nel corso degli anni S.Angelo abbia sofferto un lento, ma costante, degrado da questo punto di vista, nemmeno più il parco "Le Vignole" (sempre che si chiami ancora così) è liberamente accessibile, così come il "Giardinone" (anche se mi rendo conto che qui si tocchi un tasto molto complesso).

Ammetto di notare diverse iniziative dedite ai bambini, ma riconosco pure che adolescenti e studenti (anche in età universitaria) non hanno alcuna possibilità di svago e sono costretti a spostarsi verso l'esterno...

La prima settimana di Giugno vede sempre qualche serata al Cupolone (struttura a mio avviso inutilizzata e quindi sprecata nell'arco dell'intero anno), dopodiché? Le giostre per i più piccoli, ma che comunque non sono offerte dall'Amministrazione Comunale, poi basta, non si offre nulla di concreto e, magari, gratuito.

Eppure le risorse ci sarebbero, le persone disposte ad impegnarsi in tal ambito (continuo a parlare di giovani, me per primo) esistono, quindi perché non nasce alcunché? Amo ripetermi, il Cupolone è sempre lì a far muffa, viene usato pochissimo, perché non sfruttarlo, magari darlo in gestione ai giovani e lasciare che si dia vita a serate ed iniziative socio-culturali? Con spese limitate si potrebbero raggiungere risultati entusiasmanti (parlo per esperienza, vedendo da vicino la realtà di altre città), un maggior affusso di persone nel territorio barasino e, senza dubbio, la soddisfazione dei cittadini, che credo sia la cosa più importante...

Vorrei che fosse possibile aprire un tavolo di discussione su questo importante argomento in modo da permettere a S.Angelo di diventare più giovanile e culturale.

Nell'attesa di una celere risposta porgo i miei più distinti saluti
Simone Cavalcanti" (31/5/2010) 

Cavolo! Ho pensato... Non c'è nulla di offensivo, e nemmeno di strampalato... Ma forse il Sindaco si riferiva solo alle ultime... Vabbè io le leggo tutte, così mi tolgo lo sfizio, quindi proseguo e vedo che lei non mi ha risposto e le ho riscritto io:

"Salve, torno a scriverle in quanto non ho avuto il piacere di ricevere alcuna risposta circa la scorsa mail trattante l'argomento in oggetto.

Sarò ripetitivo, ma a S.Angelo mancano attività giovanili; si immagini la condizione di un giovine qualsiasi che nel pomeriggio torna a casa dopo il lavoro o la scuola, la prima cosa a cui pensa è "Cosa faccio stasera?". Allora sente gli amici e ci mette d'accordo per andare in qualche locale FUORI S.ANGELO.

Uscire, usar benzina, pagare eventuale birra o drink, tornare a casa. In tutto ciò l'attenzione al tasso alcoolico (che per i neopatentati deve essere pari a zero). Questo vale per tutti, persino Graffiganana offre delle belle serate, almeno d'estate.

Sarebbe dunque ideale che l'Amministrazione si muovesse anche in questo senso, trovare un locale adeguato (il Cupolone, ricordo, è quasi completamente inutilizzato) e dare possibilità ai giovani di dare svago alla propria creatività, offrire loro servizi a costi minimi (perché debbono essere accessibili a tutti) all'interno della propria città, perché è assurdo che in una cittadina di 12000 abitanti non esista possibilità di aggregazione, al coperto, tutelata e socialmente supportata.

Rinnovo l'invito a discuterne per poter cambiare un po' le cose...

Grazie dell'attenzione
Simone Cavalcanti" (16/6/2011)

Due giorni dopo, abbastanza seccato, ma pur sempre molto educato e propositivo, le riscrivo:

"Salve, a costo di diventare noioso, ho scritto già due mail chiedendo di discutere di questa grave mancanza santangiolina, ma non ho avuto nemmeno uno spiraglio di risposta.

S.Angelo non sistema le strade sconnesse (se non la Piazza, rifatta OGNI ANNO), aggiunge marciapiedi superflui (in Via Costa ne bastava uno, magari largo, avrebbe creato meno disagi), aggiunge parcheggi invece che parchi (non viene specificato se saranno gratuiti, confido di sì visto che ora lo sono in quella piazza), chiude gli spazi come il parco Le Vignole e non spende un centesimo per organizzare, proporre od accettare ed offrire attività giovanili.

I giovani sono esclusi dalla città, possono andare a divertirsi fuori, a Graffigana, Lodi, Pavia, San Colombano, Milano, ma non a S.Angelo! Nonostante non manchino fondi per organizzare diversi tipi di serate e promuovere eventuali progetti socio-culturali (laici, che possano includere CHIUNQUE, senza la messa di mezzo), nonostante ci sia gente disposta a sacrificare il proprio tempo gratuitamente al solo fine di compiacere i propri concittadini e, magari, gli abitanti dei paesi vicini.

Il Cupolone è uno dei più palesi esempi di spreco di denaro pubblico: una struttura da mantenere, però inutilizzata se non tre o quattro volte l'anno. Per quale motivo? Una capienza eccezionale, un palco molto grande, camerini, servizi igienici adeguati, cucina... Ha tutto, ma non viene utilizzato. Con un po' di impegno, essendo adiacente alla Piscina Comunale, si potrebbe addirittura dar vita ad attività che fondino le due strutture (l'accesso c'è, è lo stesso usato dal Grest del Comune).

Anche il Campone potrebbe essere sfruttato benissimo per concerti e/o feste all'aperto, ovviamente la Giunta non ha mai proposto nulla e come se non bastasse, dai primi del mese ad oggi ancora non ho ricevuto alcuna risposta, nemmeno una notifica di avvenuta lettura dei miei messaggi. Tutto ciò mi fa davvero sorgere un sacco di dubbi. La città dovrebbe sensibilizzarsi circa il problema dell'aggregazione giovanile, dei servizi agli adolescenti e delle attività socio culturali, non stiamo per niente evolvendo.

Augurandomi, almeno questa volta, una degna risposta, porgo i miei saluti
Simone" (18/6/2010)

Il giorno stesso ricevo risposta:

"Egregio Signor Cavalcanti,
ho letto attentamente le Sue osservazioni e la invito a comunicare
alla mia segreteria la Sua disponibilità per un incontro nel prossimo mese di Luglio.

Con i migliori saluti

Il Sindaco Domenico CRESPI" (18/6/2010) 

Ricordo la mia immensa soddisfazione, subito calata nel momento in cui, tant'è che immediatamente rispondo:

"Grazie mille, sarà un piacere.
Simone Cavalcanti" (18/6/2010)

Chiamo la sua segreteria e mi sento rispondere che avrebbero richiamato loro. Io ho atteso pazientemente, il 20 Luglio sono partito per le vacanze ed ancora non avevo avuto risposta: 22 giorni dopo. Continuo a chiedermi dove stia la MIA maleducazione, ma forse nelle successive troverò qualche frase incriminante, proseguo.  La mail successiva e di Settembre, del 15 per l'esattezza:

"Salve, quella citata è la sua ultima mail inviatami datata, come può verificare, 18 Giugno.

Ho contattato la Sua segreteria, mi è stato detto che avrebbero richiamato, ma non ho saputo più nulla da allora... Dopo un viaggio sono tornato a S.Angelo stranito: i lavori dell'annunciata fontana sono in alto mare, due dossi altissimi sono stati posizionati in curva e la lunga panchina è mal posizionata e superflua per diversi motivi, via costa ha un dosso ad inizio strada, anch'esso molto alto e superfluo, inoltre l'incrocio di tale via prevede - stupidamente - due "stop".

Non conosco attività di aggregazione previste per il resto dell'anno: noi giovani rimaniamo esclusi dal Paese, ci riteniamo fortunati di essere non troppo distanti da Lodi e Pavia, ma siamo costretti a muoverci... Chi, a capo di determinate decisioni, pensa ancora che S.Angelo possa progredire senza offrire nulla?

La situazione di strade e parcheggi in divieto di sosta, di cui abbiamo precedentemente parlato, è rimasta pressoché invariata, ancora nessuna rotatoria in zona Malpensata, per andare a Lodi ci si deve ancora fermare al semaforo di quello che credo sia l'unico ponte a senso unico alternato della zona nel 2010 (e parrebbe che i soldi siano arrivati, o sbaglio?)...

Insomma, queste e tante altre problematiche da discutere, peccato che attenda un appuntamento da tre mesi... Penso che i confronti siano più utili a Lei che a me, non sono io che cercherò di essere rieletto...

Sperando in una *celere* risposta, Le auguro una buona giornata
Simone Cavcalcanti" (15/9/2010)

Anche qui mi sforzo, ma non trovo "frasi sconclusionate e offensive", solo una piccola provocazione alla fine, anche accettabile da chi aspetta una risposta da circa due mesi, o no? Una settimana dopo ancora nessuna risposta, quindi le riscrivo io:

"Mi sento costretto a riscriverle dopo una settimana di attesa... Devo sperare di trovarla casualmente in giro per scambiare due chiacchiere su quelli che sono punti critici della vita santangiolina oppure deciderà di fissarmi SERIAMENTE un appuntamento? Le ricordo che in realtà non aspetto da Mercoledì scorso, ma dal mese di Luglio ed ormai Ottobre è alle porte... Se questo è il suo modo di porsi innanzi a chi cerca un dialogo, un confronto, bè, ammetto di essere deluso...

Simone Cavalcanti" (22/9/2010)

A cui mi risponde due giorni dopo come segue, con mia soddisfazione:

"Egregio Signore,
l'appuntamento con il Sindaco è fissato per Sabato 25 settembre alle ore 10.
Dinstinti saluti" (24/9/2010)

All'appuntamento mi riceve con ritardo, ma poco importa, ho sempre affermato di comprendere i suoi numerosi impegni, la cosa peggiore è che mi tratta in modo sgarbato, con molta fretta ed arroganza e nel giro di un quarto d'ora mi congeda dicendomi che c'è la prova anti-incendio, chiedendomi però il numero di telefono per potermi ricontattare personalmente e tornare a parlare con più calma. L'unica cosa che ho tratto è stato "Per il cupolone, se proprio si deve tentare qualcosa, ho bisogno di una raccolta firme" ed aspettavo la sua chiamata per confermare, chiedere eventuali altre esigenze e cominciare con i lavori... ma nada! Quindi le riscrivo, non dopo una settimana, nemmeno dopo due settimane, ma dopo oltre un mese.

"Salve, come saprà già da tempo aspetto una Sua chiamata, so che gli impegni sono tanti, ma penso di meritarmi un appuntamento soprattutto per discutere la questione Cupolone, dato che Lei sa benissimo che io desidero vada in mano ai giovani (ed ho chi mi sosterrebbe).

La volevo inoltre informare che già da un pezzo non vanno i primi due lampioni di via Morzenti (entrando da via XX Settembre) e questo provoca un bel disagio visto che lì si trova quello che rimane del punto di incontro di molti ragazzi.

Sperando, almeno questa volta, in una celere risposta, Le auguro buona settimana.
Simone Cavalcanti" (15/11/2010)

Continuo a non trovare la mia maleducazione, subisco invece la beffa di una promessa ancora non mantenuta. Le riscrivo per i lampioni, necessità cittadina:

"Salve, una settimana fa la avvisavo dei lampioni in via Morzenti che non funzionano, ad oggi ancora non ho ricevuto risposta e i lampioni sono ancora spenti; mi auguro venga risolto al più presto il problema.
Simone Cavalcanti" (23/11/2010)

Niente, lascio perdere per pensare ai miei di impegni... Quindi si va a Gennaio, dove mi blocca un problema in biblioteca:

"Sig. Crespi, dopo le sue promesse di rivederci, le numerose mail ignorate e quindi la necessità di dover davvero convivere con una completa sfiducia nei confronti del suo lavoro, torno a scriverle circa la - pessima - situazione della biblioteca comunale, ormai allo sfascio...

Scrivo a lei, e non senza astio, perché proprio sue sono state le parole a me rivolte circa il trasferimento della biblioteca ed il potenziamento della stessa, cosa che non è avvenuta e non sembra poi così prossima; orari ingestibili (tre ore al giorno, solo al mattino) e spazi inadeguati, così come inadeguato è il locale in cui si trova... Insomma, il peggio che si possa avere, senza contare i problemi che spesso affliggono il computer dato in dotazione, causa di ritardi e disagi.

Ci tengo a sottolineare che Lunedì sono stato a prelevare un libro, ma non mi era possibile perché il pc dava problemi, il giorno dopo son tornato ed ancora stesso problema irrisolto, allorché ho intuito che avrei dovuto risolvere da solo ed ho dato una mano all'operatrice a riprendere la gestione della faccenda. Io lo faccio con piacere, ma non avete un'assistenza per questo genere di problemi? E perché non è immediata?

Vogliamo poi parlare dell'uso sconsiderato della carta? È inaccettabile che non si sia ancora arrivati a livelli completamente (o quasi) computerizzati, permettendo così riduzione dei costi e dell'inquinamento, siamo nel 2011!

La vorrei quindi invitare a prendere in seria considerazione la questione, a cui tengono davvero tanti santangiolini che spesso se ne lamentano. Ora la saluto, nella speranza che qualcosa migliori e che magari, una volta tanto, lei si decida a perdere pochi minuti per rispondermi.

Simone Cavalcanti" (13/1/2011)

Ancora zero risposte, inizio IO a sentirmi offeso, lei come vede non è stato attaccato in alcun modo fra le mie parole! Le riscrivo, per l'ennesimo volta.

"Salve... Ho l'impressione che lei mi eviti come la peste... Io non metto in discussione che lei sia pieno di impegni, assolutamente, ma lasciandomi in attesa dal mese di Settembre, sta dimostrando una grande maleducazione nei miei confronti e questo è davvero un fatto triste... Spero vivamente lei possa rispondermi in fretta sulle problematiche della biblioteca e sulle modalità da seguire per poter sfruttare a pieno regime uno spazio del Comune (il Cupolone) per promuovere attività giovanili autogestite...

Cordialmente
Simone Cavalcanti, indignato" (24/1/2011)

Ricevo immediatamente risposta:

"Egregio Signore,
Le comunico la disponibilità del Sindaco a riceverLa nella mattinata di Venerdi 28 gennaio alle ore 11,15 (salvoinconvenienti non prevedibili).
La invito pertanto a contattarmi alle ore 10 circa di tale data per conferma da parte di entrambi,
Cordialmente" (25/1/2011)

Ma devo rifiutare:

"Mi spiace, ma la avviso sin da ora che il giorno 28 sarò fuori S.Angelo in occasione dello scioper generale indetto ormai da tempo. Conto di esser comunque ricevuto la prossima settimana.

Simone Cavalcanti" (25/1/2011)

Le riscrivo il 28 sera:

"Salve, avendo dovuto rimandare l'appuntamento fissato per questa mattina, mi auguro vivamente di poterla incontrare nei prossimi giorni, comunque nella settimana ventura perché è molto che aspetto e non ho molta voglia di perdere tempo visto che, da Settembre, abbiamo lasciato in sospeso l'argomento relativo al cupolone

buona giornata
Simone Cavalcanti" (28/1/2011)

L'ultima mail che le ho scritto, non avendo ricevuto risposte, è stata questa:

"Salve, siamo a Mercoledì non ho ricevuto alcuna risposta, né positiva né negativa. Lei mi rende fastidioso, se mi avesse ricevuto per tempo 5 mesi fa non sarei qui a disturbarla molto probabilmente...

Le ricordo che la carica che copre la mette a rappresentanza di tutti gli abitanti di S.Angelo, è quindi suo dovere ricevere e discutere con i Cittadini per assicurarsi di rispettare le loro proposte...

Simone Cavalcanti, sempre più deluso, come molti altri..." (2/2/2011)

In 10 mesi di mail non vedo offese, aggressioni, maleducazione né altro, per questo non ho avuto problemi a pubblicare i miei testi rivolti a lei, io non ho alcunché da nascondere! Per cosa si è offeso? Per questo articolo scherzoso? Non la faccio così stupido, sarò sincero...

Quindi dove sono queste offese? Se lei si aspettava il mio arresto perché sa che mi interesso dei problemi dei miei concittadini bè, è un'aspettativa alquanto oltraggiosa... Vorrei che mi esponesse la mia arroganza di fronte a tutte le mail senza risposta, di fronte alla mia pazienza, di fronte alle sue promesse non mantenute. Io ho sempre tenuto le distanze, ho sempre proposto invece di lamentarmi semplicemente, ho sempre atteso, certo che ci fossero dei motivi se le risposte tardavano ad arrivare... Insomma, qui vedo un cittadino che pone delle domande a cui lei non risponde e vedo un Sindaco che offende pubblicamente un abitante di S.Angelo.

Esigo le sue scuse pubbliche, esattamente come pubblicamente mi ha offeso e non intendo aspettare mesi, come ho fatto sino ad ora. Vediamo ora chi si dimostrerà maleducato fra i due. I miei saluti.

8 commenti:

carolina ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
spillo ha detto...

Grazie, son sempre piacevoli i messaggi di supporto :)

carolina ha detto...

Penso che le tue idee e proposte su sant'angelo siano molto valide, e credo che se venissero effettivamente realizzate sarebbe positivo per tutti, in quanto -ad esempio- molte risorse ad oggi inutilizzate verrebbero sfruttate!
Spero tanto che vengano ascoltate prima o poi!

Ester ha detto...

Ciao Simone,
sono Ester Cavalcanti, tua cugina,
cioe' cugina di tuo padre, figlia dello zio Guido (fratello di tuo nonno) di Ravanusa.
Ecco ora l'albero genealogico e' piantato!

Tu non mi conosci ed io non ti conoscevo fino a qualche giorno fa.

Cercando tue notizie ho visto prima qualche articolo e poi questo blog.

Avevo gia' intuito dalle tue parole (nelle interviste) che non sei un pazzo facinoroso violento, di quelli che va a fare casino alle manifestazioni, e ancora di piu' me lo conferma questo blog.

Ho letto nei tuoi post, nelle tue parole e nelle email al sindaco nessun discorso sconnesso, al contrario: la passione, l'impegno civico, il coraggio. Complimenti. Sono fiera di un cuginetto cosi' e ho voluto dirtelo.

Ora, non e' che ti incito a far casini e a farci preoccupare tutti... stai sempre attento a non metterti nei guai, ma e' chiaro che chi si espone in prima linea come fai tu corre questo rischio.
E' per questo che mi auguro e ti auguro che si risolva tutto presto e per il meglio. In bocca al lupo!

Ah, siccome questa estate mi sposo.. quale migliore occasione per un viaggetto nella nostra bella terra a conoscere la tua cuginetta?? Ti aspetto..

Baci,
Ester

Muu? ha detto...

Lui ti ha sputtanato sul giornale di riferimento del lodigiano, letto da almeno 100 mila persone.
Tu di contro rispondi su un blog che leggeranno in venti o, volendo esagerare, in un centinaio.
Il rapporto è 100 a 1 e questo fa uno a zero per lui.

Usa la stessa moneta. ;)

Cerioli "Muu?" Andrea

spillo ha detto...

@ Muu?: come abbiam detto in privato, sai che non rimarrò zitto

@ Ester: ciao! è estremamente piacevole ricevere un tuo messaggio, dico davvero, proprio non me lo aspettavo (appunto perché non ci conosciamo)!!!

Mi hai strappato davvero un intenso sorriso e mi fa piacere averti fatto una buona impressione: con tutto quello che sta succedendo è molto confortante!

Comunque io e papà vorremmo venire d'estate, dipenderà più che altro dai soldi ;) Se vuoi aggiungimi su Facebook, sono Simone Spillo ;) Baci!

Anonimo ha detto...

Vai Simo.......Si vede che comici a dargli fastidio....Una bella denuzia per diffamazione,hai tutte le ragioni..WWWWWWlibertààààààà

MAX ha detto...

Con le denunce non si risolve nessun problema. Il disagio sociale spesso nasce da una cultura approssimata e clientelare.
Il partitismo, non la politica in se, ha sempre provocato guai ed i parassiti non muoiono neanche con il DDT. Comunque anche facendo "casini" non si risolve niente. Esistono forme democratiche di protesta praticabili.
Siamo accomunati dagli stessi obbiettivi ma percorriamo strade diverse.